Image Image Image Image Image Image Image Image Image

I programmi nutrizionali Optiporc

tecnico-deatech

 

Salute, benessere e produttività

I programmi nutrizionali OPTIPORC migliorano il valore economico nella produzione del suino.

Gli obiettivi OPTIPORC si concentrano principalmente su tre concetti, salute, benessere e produttività.

Tutte le norme nutrizionali sono adattate al contesto della gestazione e della lattazione in funzione della:

 • Prolificità 
 • Energia netta

Il rispetto dei fabbisogni e degli equilibri nutrizionali in gestazione ed in lattazione è lo strumento meno costoso che possiamo utilizzare per aumentare l’efficienza economica. Investire nel miglioramento e nel programma alimentare della scrofa è la via migliore, attraverso il calcolo costo/beneficio, per produrre suinetti di ottima qualità a costi contenuti.

Nutrizione suinetti

Scrofe

Programma nutrizionale per la scrofa:

• Performance riproduttive: apporti di acidi grassi polinsaturi
• Gestazione e allattamento:  apporti dinamici di amminoacidi 
• Nutrizione e qualità del latte  
• Gestazione 
• La nutrizione del Feto
• Programma speciale per la nutrizione delle scrofette

 

PROBLEMATICHE

Eterogeneità e Ritardo  Crescita Intra-Uterina (IUGR)
– Incide per oltre il 30% sulla mortalità dei suinetti
Dimensioni della nidiata
– Deficienze nutrizionali : dopo 60 giorni di gestazione ed alla fine della gestazione
Peso alla nascita dei suinetti
– I suinetti con un peso inferiore ad 1.0 kg alla nascita muoiono  in 7 casi su 10  prima della macellazione.
– Una differenza di peso di 3 kg allo svezzamento può determinare, a 156 giorni di vita, una differenza di peso fino agli 11 kg.
– Accrescimento significativamente più basso per i suinetti leggeri alla nascita

STRATEGIA NUTRIZIONALE

Ottenere suinetti più pesanti e più vigorosi 
Migliorare  il sistema immunitario, il colostro e il latte della scrofa 
Fornire sufficiente energia vitamine ed amminoacidi durante la gestazione e lattazione

RISULTATI

• Diminuzione della mortalità 
• Maggiore fertilità, riduzione dei costi di rimonta 
• Diminuzione dei costi sanitari 
• Suinetti più pesanti allo svezzamento 
• Riduzione dell’intervallo svezzamento – estro

Suinetti

Programma nutrizionale per i suinetti:

• Incremento del peso e crescita
• Stato di salute generale
• Strategie e nutrizione per ridurre l’uso di farmaci 

 

PROBLEMATICHE

Digestione delle proteine
– Produzione di acido cloridrico
– Attacco di enzimi pancreatici e formazione di ammine libere
– Residui di proteine non digerite : fermentazione dell’azoto e formazione di flora batterica negativa
– Stress ossidativo
– Aumenta la mortalità dei suinetti
– Deprime lo stato di salute generale e le difese immunitarie
– Diminuisce le performance di crescita

STRATEGIA NUTRIZIONALE: OBIETTIVI

Diminuire il costo di produzione del suinetto: migliore resa dell’alimento utilizzato
Equilibrio intestinale e potere tampone: elaborare un alimento di elevata digeribilità e disponibilità metabolica dei nutrienti
Migliorare le performance di crescita 
– Suinetti in buon stato sanitario.
– Sviluppo e maturità enzimatica.
– Tolleranza immunologica alle diete successive

 

RISULTATI

Diminuzione del tasso di perdite per stress ossidativo (40%)
Arresto totale  di diarree e di edemi
Migliore accrescimento (+ 30 g/giorno) di IMG

Suini da ingrasso

Programma nutrizionale per i suini da ingrasso:

• Incremento del peso: performance di crescita
• Ottimizzazione Apporto Proteico: riduzione di costi alimentari
• Ottimizzazione dell’indice di Conversione Alimentare
• Qualità della carcassa: relazione muscolo-grasso
• Qualità della carne 

 

PROBLEMATICHE

Efficienza e resa del programma alimentare – l’indice di conversione

L’indice di conversione evidenzia il rendimento economico della produzione del suino da ingrasso. Oltre la metà del costo di produzione è imputabile all’alimentazione. Tanto è vero che confrontando i dati di efficienza alimentare di allevamenti ad elevati standard produttivi con quelli di allevamenti a basso livello manageriale, si notano differenze molto marcate nella resa degli alimenti.

STRATEGIA NUTRIZIONALE: OBIETTIVI

Diminuire il costo di produzione del suino di ingrasso:
– Migliorare l’efficienza alimentare ed ottimizzare l’indice di conversione IC
– Ottenere una resa e un plus valore della carcassa.

RISULTATI

Diminuzione del IC: Miglioramento dell’indice di conversione intorno allo 0.2 %
Migliore IMG: da 30 a 45 g /giorno
Diminuzione del consumo di  alimento:  4% circa / suino 
Diminuzione dei costi alimentari: intorno al 3 %