Image Image Image Image Image Image Image Image Image

10 Mag

By

ALLA SCOPERTA DELLA MUNGITURA ROBOTIZZATA ALL’ESTERO

10 Maggio 2019 | By |

Il successo di un progetto è frutto di tanti fattori, in primis, la ricerca di innovazione.

A partire da questo principio, dopo un lungo percorso di individuazione e selezione delle migliori materie prime e delle più accurate tecniche presenti nel panorama allevatoriale internazionale, nasce Robot Omega.

I risultati di un’approfondita ricerca, che caratterizzano questo approccio, ci hanno permesso di guidare l’allevatore verso un netto cambio di rotta nella gestione del proprio allevamento.

La formazione internazionale del nostro team nasce perché crediamo che l’esperienza professionale dei nutrizionisti faccia la differenza sia nell’alimentazione bovina, tema centrale di Robot Omega, che nel pieno sfruttamento delle potenzialità del robot. Il tutto all’insegna di un comune denominatore: migliorare la qualità della vita degli allevatori equilibrando lavoro e tempo libero.

COME SI È SVOLTA LA RICERCA INTERNAZIONALE

La nascita di Robot Omega ha voluto un percorso ben definito. La prima tappa del nostro viaggio ci ha portati in Francia paese che, con i suoi 6000 robot di mungitura e l’aiuto dei suoi tecnici specializzati, ha fatto di tutti questi numeri la sua grande filosofia. Filosofia che ha dato vita alla gestione globale dell’allevamento a mungitura robotizzata. Questo prevede che la nutrizione delle bovine sia affiancata ad un approccio gestionale specifico  in grado di valutare periodicamente gli aspetti tecnici ed economici dell’allevamento a mungitura robotizzata.

Seconda tappa del percorso di ricerca di Robot Omega è stato il Canada. Questo viaggio ci ha permesso di rivolgere uno sguardo verso il futuro, visitando gli allevamenti leader nella gestione della stalla robotizzata di grandi dimensioni (fino a 38 robot per 1500 bovine in lattazione). Realtà su cui, già nel futuro prossimo, le grandi stalle da latte italiane porranno l’attenzione per migliorare i propri risultati e la propria qualità della vita.

GLI ALLEVAMENTI VISITATI

Tutti gli allevamenti visitati durante questo percorso si caratterizzano per avere un’esperienza pluriennale nella gestione soddisfacente di una stalla a mungitura robotizzata. Per questo motivo hanno proseguito il percorso di automazione dell’allevamento introducendo altri sistemi innovativi che aiutano a ridurre le ore di lavoro dell’allevatore incrementando l’efficienza dell’allevamento.

 

Allevamento 1 – Francia

Bovine in lattazione: 115
Mungitura robotizzata: 2 Robot di mungitura Lely con 2 linee di alimentazione secca (proteico – energetico)
Produzione di latte media: 35 L/capo/giorno.
Altri sistemi automatizzati: Juno Lely per assicurare che vi sia sempre foraggio fresco per tutte le vacche lungo la rastrelliera.

 

Allevamento 2 – Francia

Bovine in lattazione: 100
Mungitura robotizzata: 2 Robot di mungitura De Laval a circuito forzato con 2 linee di alimentazione secca (proteico – energetico)
Produzione di latte media: 35 L/capo/giorno.
Altri sistemi automatizzati: impagliatrice automatica e auto-alimentatore (Vector).

 

Allevamento 3 – Francia

Bovine in lattazione: 112
Mungitura robotizzata: 2 Robot di mungitura DeLaval con 2 linee di alimentazione secca (proteico – energetico)
Produzione di latte media: 35 L/capo/giorno.
Altri sistemi automatizzati: impagliatrice automatica – cancelli intelligenti per l’accesso al pascolo in maniera autonoma – Juno Lely

 

Allevamento 4 – Francia

Bovine in lattazione: 120
Mungitura robotizzata: 2 Robot di mungitura Lely con 2 linee di alimentazione secca (proteico – energetico)
Produzione di latte media: 34 L/capo/giorno.
Altri sistemi automatizzati: Juno Lely – autoalimentatore (prossima installazione) – cancelli intelligenti per l’accesso al pascolo in maniera autonoma

 

Allevamento 5 – Canada

Bovine in lattazione: 1500
Mungitura robotizzata: 38 Robot di mungitura Lely suddivisi in 3 stalle
Produzione di latte media: 38 Kg/capo/giorno.