Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Tutte le ultime novità | Pagina 28 di 41 | Deatech

02 Dic

By

SEMINARIO IDENA SUI SUINI 21 -22 NOVEMBRE 2016

2 Dicembre 2016 | By |

Da circa 3 anni, Deatech, collabora con IDENA (Innovation Et Développement ENutrition Animale) per lo sviluppo del Progetto Optiporc, con l’obiettivo comune di creare innovazione attraverso lo sviluppo di nuovi concetti, prodotti e tecnologie per la nutrizione animale e sempre più orientato all’ottimizzazione delle prestazioni tecniche ed economiche dell’allevamento, nel rispetto del benessere animale e dell’ambiente.

Deatech ha avuto il piacere di partecipare al seminario sui suini, organizzato da Idena, il 21 e 22 Novembre. I temi trattati sono stati:

  • Terapie antibiotiche e salute degli animali: il decadimento delle soluzioni alternative;
  • Controllo dei beni naturali e la complessità degli oli essenziali;
  • La nutrizione alternativa: 20 anni di applicazioni di successo;
  • Nuovo approccio alla gestione delle problematiche delle diarree nei suinetti
  • L’indice di efficienza alimentare: la nutrizione specifica per ottimizzare la crescita dei suini da ingrasso;
  • Ottimizzazione e adattamento della formula nei suini da macello.

 Al seminario hanno partecipato alcuni membri del progetto Optiporc.

dsc01751-bd img_20161122_130740

Il riscontro della giornate è stato molto positivo! Tutti i partecipanti, infatti, hanno trovato gli argomenti di loro interesse sia la loro attualità che per la loro applicabilità nel contesto italiano. Alcune delle soluzioni esposte, durante il seminario, sono già state applicate e testate nei programmi alimentari (suinetti, ingrasso) del Progetto Optiporc.

Per maggiori informazioni o approfondimenti non esitate a contattarci.

Lo staff Optiporc si metterà, con piacere, a vostra disposizione!

02 Dic

By

EARLYSTART SI RINNOVA!

2 Dicembre 2016 | By |

EARLYSTART è un alimento completo in forma di gel per i primi 10 giorni di vita del suinetto. 

EARLYSTART  è indicato per i suinetti :

  • Con una prolificità importante, specie dove si usano scrofe iperprolifiche;
  • Con un tasso di mortalità importante prima dello svezzamento > 10%;
  • Che hanno “riduzioni” in termini di crescita prima dello svezzamento;
  • Con problemi di disturbi digestivi allo svezzamento, usato come prevenzione per la riduzione dei trattamenti farmacologici.

Nella slide che potete scaricare, qui sotto, è riportata la presentazione dei test dell’evoluzione del prodotto e dei risultati ottenuti in allevamento:

  • Un miglioramento globale del prodotto: odore, composizione, appetibilità;
  • Un aumento del consumo nei primi giorni di vita.
RISULTATI

16 Nov

By

Un nuovo strumento apre il mondo della finanza climatica al settore lattiero-caseario.

16 Novembre 2016 | By |

Il settore lattiero-caseario sarà presto in grado di partecipare al mercato internazionale del credito di carbonio grazie ad una nuova metodologia che permette ad agricoltori e progettisti di documentare in modo affidabile in che modo stanno riducendo le emissioni di gas serra – un passo che aprirà nuove fonti di finanziamento per l’industria zootecnica e contribuirà a promuovere gli investimenti in interventi a favore dei piccoli proprietari.

La nuova Smallholder dairy methodology della FAO affronta contemporaneamente due grandi sfide del settore agricolo: la necessità di rendere l’agricoltura più produttiva aumentando le rese, e allo stesso tempo tagliare le emissioni di anidride carbonica del settore. Con l’apertura di nuove fonti di finanziamento, la metodologia affronta la questione fondamentale di come finanziare la necessaria transizione verso un settore zootecnico più ecologico.

Approfondisci l’argomento cliccando qui.

Anche il nostro PROGETTO ECO-METANO va proprio in questa direzione!

Per saperne di più contattaci!

16 Nov

By

Il contributo di AIA nella stima delle emissioni di gas serra di origine zootecnica. L’esempio del bovino da latte.

16 Novembre 2016 | By |

La zootecnia italiana si presenta come un sistema piuttosto complesso che può essere schematizzato in due diverse realtà di allevamento: zootecnia intensiva ad avanzata tecnologia da un lato e zootecnia estensiva a tecnologia limitata dall’altro. E’ evidente che il sistema di allevamento influenza la stima delle emissioni in atmosfera.

L’Associazione Italiana Allevatori, utilizzando le funzioni di calcolo predisposte dall’ISPRA, ha condotto uno studio preliminare volto a stimare le emissioni di gas serra negli allevamenti di bovine da latte iscritte al Sistema Allevatori partendo dai dati dei controlli funzionali. A differenza delle stime condotte dall’ISPRA, che necessariamente utilizzano dati aggregati su scala nazionale con l’evidente limite di non tenere conto delle singole tipologie di allevamento, la stima prodotta dall’AIA risulta verosimilmente più vicina alla realtà, in quanto quantifica le emissioni per singola azienda in base alla conoscenza delle produzioni di ciascuna bovina e delle consistenze delle categorie zootecniche allevate (es. n°vacche in asciutta, n°vacche in lattazione ecc.).

Leggi tutto l’articolo e la prova effettuata su 9 aziende, clicca qui.

16 Nov

By

Riconosciuta la validità scientifica della Clessidra Ambientale

16 Novembre 2016 | By |

La prestigiosa rivista scientifica a carattere ambientale “Science of the Total Environment” ha riconosciuto la validità scientifica della Clessidra Ambientale, il nuovo modello che mette in relazione i consumi della Dieta Mediterranea con l’impatto ambientale dei diversi alimenti assunti e in particolare degli effetti sulle emissioni di gas a effetto serra (impronta carbonica).

Per approfondire quanto espresso dalla Clessidra Ambientale, clicca qui 

 

18 Ott

By

SUINO LIBERO DA ANTIBIOTICI

18 Ottobre 2016 | By |

In risposta ad una sempre più alta antibiotico resistenza, sia in campo umano che in campo animale, nasce “Suino libero da antibiotici” che ha come missione quella di offrire, agli allevatori e alle filiere agro-alimentari, sicurezza alimentare e sanitaria, crescendo un suino sano senza uso di antibiotici.

L’obiettivo principale di questo nuovo approccio del Progetto Optiporc è quello di offrire un valore aggiunto all’allevatore e di conseguenza un maggior interesse da parte del trasformatore e del consumatore finale.

VOLANTINO

05 Lug

By

OTTIMI RISULTATI PER L’AZIENDA ROSTI!

5 Luglio 2016 | By |

rosti

Andrea Rosti, un giovane allevatore di Morimondo, ha raggiunto, anche quest’anno, ottimi risultati nella sua stalla grazie al Progetto Omega di Deatech.

Clicca qui sotto!

DATI AZIENDALI

Deatech è sempre orgogliosa dei risultati positivi che riescono a raggiungere i nostri clienti!

30 Giu

By

PROGETTO ECO-METANO: Ecco come BBC ricompensa gli allevatori

30 Giugno 2016 | By |

Bleu-Blanc-Coeur ha trovato un sistema per ricompensare gli allevatori impegnati nella riduzione delle emissioni di metano! L’associazione ha premiato 429 produttori di latte coinvolti nel progetto “eco-metano” con una somma pari a 138.252 €.

Con questo assegno, Bleu-Blanc-Coeur non pretende di risolvere la crisi economica che sta interessando il settore. Si tratta di dare un piccolo contributo a quegli agricoltori che mettono il loro impegno nel progetto Eco-Metano per contribuire al rispetto dell’ambiente. Il denaro ricevuto può essere un’occasione per divertirsi con la propria famiglia o per comprare qualche attrezzatura, ma è soprattutto un grande riconoscimento sociale”.

Leggi l’articolo completo!

IN ITALIANO COMPLETO IN FRANCESE

29 Giu

By

AZ. BOSELLI – PRIMI TRAGUARDI DI GRANDE SODDISFAZIONE!

29 Giugno 2016 | By |

WhatsApp-Image-20160628

Dopo un anno di collaborazione e di piena condivisione del sistema alimentare Deatech con l’allevatore, possiamo dire di aver raggiunto, a pieno, il primo step degli obbiettivi che ci siamo prefissati sui diversi comparti dell’allevamento.

In allegato trovate i dati dell’azienda Boselli di Pieve Fissiraga (LO):

DATI AZIENDALI

Deatech è sempre orgogliosa dei risultati positivi che riescono a raggiungere i nostri clienti!

 

22 Giu

By

2º FORUM PROGETTO OPTIPORC: Soluzioni innovative per la gestione alimentare dell’allevamento suino

22 Giugno 2016 | By |

IMG_0102I Responsabili e Tecnici Optiporc hanno organizzato, anche quest’anno, il 2°FORUM DEL PROGETTO OPTIPORC in FRANCIA che si è tenuto dal 23 al 26 Maggio.

Visto l’interesse dei partecipanti, anche questo viaggio, ha confermato il cuore del Progetto Optiporc: diversificarsi attraverso l’applicazione di un sistema innovativo di gestione alimentare dell’allevamento suino che include tecnologie ma soprattutto professionalità.

Le giornate sono state ricche di incontri e di argomenti che hanno dato vari spunti di riflessione e di lavoro. Leggi l’articolo intero e guarda le foto cliccando qui sotto!

APPROFONDISCI