Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Tutte le ultime novità | Deatech

18 Set

By

Migliorare la salute del piede delle bovine da latte a partire dall’alimentazione

18 Settembre 2020 | By |

I disturbi ai piedi condizionano l’efficienza dell’allevamento

Le bovine da latte che presentano patologie podali non riescono a camminare correttamente a causa del dolore ad uno o più arti. Questa condizione incide in maniera negativa sulla produzione di latte, sulle performance riproduttive e sul benessere animale. Tali patologie ai piedi, infatti, provocano una notevole riduzione dell’ingestione che genera un bilancio energetico negativo accompagnato da un eccessivo dimagrimento delle bovine da latte.

Il valore aggiunto dell’alimentazione apportato da Pedioforce

Pedioforce è la soluzione nutrizionale in polvere che, grazie ai suoi speciali ingredienti, aiuta le bovine da latte a ripristinare la normale funzionalità dei piedi compromessi in modo grave. La sua speciale composizione favorisce la corretta deambulazione degli animali che, in questo modo, tornano a mangiare la massima quantità di alimento evitando l’eccessiva perdita di peso.

Pedioforce agisce sul piede ripristinando la massima condizione di benessere degli animali. Questo avviene grazie alla sua azione antinfiammatoria, che ricrea le condizioni ottimali del piede delle bovine, e del carbonato di calcio, prezioso componente che contribuisce alla ricostruzione della parte cornea dell’unghia.

Pedioforce è molto comodo da utilizzare, infatti, viene semplicemente aggiunto e miscelato omogeneamente alla razione delle bovine in lattazione, ad una dose di 300g/capo/giorno.

Piedi e bovine in piena salute

Gli allevatori che utilizzano Pedioforce nella razione delle bovine in lattazione, dopo circa 7-8 giorni di trattamento, vedono animali che stanno meglio ed in ottime condizioni di benessere. In allevamento vengono così risolti i problemi ai piedi, condizione che consente agli animali di alzarsi normalmente per alimentarsi e, di conseguenza, per tornare a produrre la normale quantità di latte.

 

Per saperne di più chiamaci al 334 6528179

17 Set

By

Come limitare il numero di scrofe vuote e portare a termine più gravidanze dopo il periodo caldo

17 Settembre 2020 | By |

Il caldo debilita le scrofe e aumenta aborti e riassorbimenti embrionali

Alla fine del periodo caldo aumenta il numero di scrofe che arrivano vuote al parto, condizione dovuta principalmente a riassorbimenti embrionali o aborti. Questo è spesso causato dal caldo che debilita le scrofe e riduce l’efficienza del loro apparato riproduttore. L’allevatore di suini, di conseguenza, si ritrova alla fine dell’estate con una grave perdita economica legata alla perdita dell’intera nidiata.

AG3 80 evita aborti e riassorbimento degli embrioni

Per evitare che nell’organismo delle scrofe si vengano a creare sostanze che provocano il riassorbimento embrionale e gli aborti, Deatech ha messo a punto AG3 80, la soluzione nutrizionale che, grazie all’elevato apporto di grassi buoni Omega 3, aiuta il metabolismo delle scrofe a comunicare con gli embrioni.

AG3 80 è un alimento unico e completo, costituito da semi di lino estrusi ed una vasta gamma di cereali integrali, tracciati e controllati, che rappresentano un’ottima fonte di energia, acidi grassi e proteine prontamente disponibili per l’alimentazione delle scrofe. Il processo di cottura dei semi è brevettato ed è in grado di valorizzare tutti gli ingredienti, in modo che i composti naturalmente presenti (acidi grassi, carboidrati, proteine, etc.) vengano rilasciati e resi disponibili per la corretta nutrizione animale.

AG3 80, aggiunto al 2% nel mangime delle scrofe in lattazione e al 2,5% in quello delle scrofe in lattazione, apporta un elevato contenuto di Omega 3 che svolgono un’azione antinfiammatoria su tutto l’apparato riproduttore.

+ 5% di scrofe che portano a termine la gravidanza

Aggiungendo AG3 80 alla razione delle scrofe in gestazione e lattazione, gli allevatori di suini ottengono scrofe in salute e con un apparato riproduttore ben funzionante. Proprio per questi motivi, con AG3 80 riescono ad aumentare del + 5% il numero di scrofe che portano a termine la gravidanza. Tutto questo si traduce in una netta riduzione di riassorbimenti ed aborti, tutti fattori che migliorano l’efficienza economica dell’allevamento.

 

Per saperne di più chiamaci al 334 6528179

16 Set

By

Come ottenere più energia dalla razione delle bovine e ridurre la produzione di metano

16 Settembre 2020 | By |

Gli alimenti poco digeribili non forniscono abbastanza energia agli animali

Molto spesso, le bovine da latte non sfruttano appieno tutta l’energia apportata attraverso la razione alimentare. Solitamente questo avviene perché, durante l’attività ruminale, i batteri presenti nel rumine possono trovarsi a degradare alimenti poco digeribili che non consentono di trasformare l’energia in composti utili (acidi grassi volatili). Tutto questo si traduce in una perdita di energia ed in una maggior produzione di scarti, primo tra tutti il metano.

AG3 80 migliora le fermentazioni ruminali delle bovine

Per aiutare le bovine da latte a sfruttare al meglio l’energia della razione, Deatech affianca gli allevatori con AG3 80, la soluzione nutrizionale di semplice e facile utilizzo che consente di ottenere risultati molto vantaggiosi a livello aziendale.

Il processo di produzione di AG3 80, unico e brevettato, ci consente di ottenere un prodotto finito, a base di semi di lino estrusi, con un basso contenuto di fattori anti-nutrizionali. I semi di lino sono conosciuti per il loro elevato contenuto di grassi (circa il 30%) che, grazie al processo di produzione, vengono resi disponibili all’80%. Questo significa che, l’80% del grasso contenuto in AG3 80, è attaccabile dagli enzimi per essere digerito e fornisce alle bovine da latte energia prontamente disponibile da impiegare per il corretto funzionamento delle fermentazioni ruminali.

AG3 80, inoltre, orienta le fermentazioni ruminali affinché venga prodotto meno metano. I batteri ruminali, avendo a disposizione un alimento altamente digeribile come AG3 80, funzionano al meglio e fermentano la razione in modo corretto, producendo la giusta quantità di acidi grassi volatili.

Maggiore efficienza alimentare e più latte

Una semplice aggiunta giornaliera di AG3 80 consente alle bovine in lattazione di avere più energia dalla razione e di sfruttarla al meglio. Gli allevatori, di conseguenza, vedranno con i loro occhi una maggiore efficienza alimentare che porta anche ad un considerevole aumento delle produzioni di latte e ad un miglioramento dell’efficienza economica dell’allevamento.

 

Per saperne di più chiamaci al 334 6528179

14 Set

By

Allevamento suino: come ottenere scrofe gravide alla prima inseminazione

14 Settembre 2020 | By |

Dopo il periodo caldo le scrofe faticano a rimanere gravide

Al termine del periodo caldo le scrofe faticano a rimanere gravide alla prima inseminazione. Questo avviene perché, a causa delle elevate temperature e dell’elevato sforzo energetico da sostenere, la loro condizione fisica e metabolica non risulta essere ottimale. Tutto questo può anche essere aggravato dal dispendio energetico per l’allattamento e lo svezzamento dei suinetti. Il risultato che l’allevatore vede è una considerevole riduzione della fertilità in azienda.

Optimum 600 ripristina la condizione fisica ideale delle scrofe

Per ripristinare il metabolismo energetico e la migliore condizione fisica delle scrofe, gli allevatori di suini hanno scelto e continuano a scegliere la soluzione nutrizionale Optimum 600 per i loro animali.

Optimum 600 è l’alimento liquido, a base di un mix di zuccheri di elevata qualità e a diversa velocità di assorbimento, che apporta agli animali energia in modo continuo e regolare, condizione che consente di mantenere costante il livello di glucosio nel sangue.

Optimum 600, grazie alla sua speciale formulazione, mantiene elevata l’appetibilità delle scrofe ed evita la mobilizzazione delle loro riserve corporee. Questo, consente agli allevatori di avere animali in salute ed in ottima forma, pronti per essere fecondati e per sostenere la gravidanza.

Optimum 600 può essere semplicemente aggiunto alla razione ai seguenti dosaggi: 200 mL/capo/giorno per le scrofe in gestazione e 350 mL/capo/giorno per le scrofe in lattazione.

Più efficienza riproduttiva in allevamento

Optimum 600, aggiunto in modo semplice e veloce alla razione degli animali, aumenta la possibilità delle scrofe di rimanere gravide alla prima inseminazione. Questo avviene perché Optimum 600 apporta e fornisce alle scrofe un’elevata quantità di energia prontamente disponibile che aumenta l’efficienza produttiva e riproduttiva dell’allevamento, evitando contemporaneamente la perdita di fiale con il seme del verro.

 

Per saperne di più chiamaci al 334 6528179

14 Set

By

Come facilitare la ripartenza delle bovine da latte dopo l’estate

14 Settembre 2020 | By |

Dopo il periodo caldo le bovine faticano a ripartire

Alla fine dell’estate la maggior parte delle bovine da latte è sottotono a causa di una ridotta ingestione durante il periodo caldo. Tutto questo si traduce in una quantità di latte vendibile piuttosto ridotta, nonostante gli animali mangino sempre la stessa quantità di alimento. Gli allevatori, di conseguenza, sono costretti ad aspettare che le bovine ripartano e tornino a produrre la massima quantità di latte.

Ripartenza ottimale per le tue bovine

Per recuperare il peso e le energie perse durante il periodo caldo, Deatech affianca gli allevatori di bovine da latte con una soluzione nutrizionale d’eccellenza e molto conosciuta nel settore alimentare zootecnico: AG3 80.

I semi di lino che costituiscono la soluzione nutrizionale AG3 80 passano attraverso un sistema di produzione brevettato ed unico nel suo genere. L’estrusione dei semi, infatti, consente di ridurre al minimo il contenuto di fattori anti-nutrizionali nell’alimento e fornisce alle bovine in lattazione energia prontamente disponibile. Il lino presente in AG3 80 contiene circa il 30% di grassi e, di questi, fino all’80% è grasso completamente disponibile, cioè attaccabile dagli enzimi per essere digerito. Le bovine da latte, in questo modo, hanno a disposizione un alimento di altissima qualità, ricco di energia e prontamente utilizzabile.

AG3 80, aggiunto a mano in corsia di alimentazione o miscelato nel carro unifeed delle bovine in lattazione, aumenta la quota energetica della dieta e fornisce agli animali in produzione nutrienti prontamente disponibili per tornare in forma e per produrre le normali quantità di latte.

Con AG3 80 le bovine ripartono al meglio

Alla fine dell’estate, gli allevatori che utilizzano AG3 80 nella razione delle bovine in lattazione vedono con i propri occhi animali in tono e che producono più latte. Questo, consente agli animali di tornare in piena forma, pronti per ripartire al meglio dopo il periodo caldo. Gli allevatori si trovano così di fronte a maggiori guadagni dovuti a bovine che si riprendono velocemente e che producono più latte.

 

Per saperne di più chiamaci al 334 6528179

11 Set

By

Chetosi nelle scrofe: come evitarla a partire dalla corretta alimentazione

11 Settembre 2020 | By |

Quando le scrofe perdono peso aumentano i corpi chetonici nel sangue

Alla fine del periodo caldo aumenta il rischio di chetosi nel comparto delle scrofe in post-parto.  Questo avviene perché, durante il periodo caldo, le scrofe mangiano meno e perdono peso. Per recuperare la condizione fisica ideale gli animali attingono l’energia dalle proprie riserve corporee, già compromesse dal dimagrimento estivo, portando ad un accumulo di corpi chetonici nel sangue che determina la chetosi.

Optimum 600 aumenta l’ingestione delle scrofe

Per evitare la comparsa di chetosi nelle scrofe, Deatech ha messo a punto la soluzione nutrizionale ideale per l’allevamento suino: Optimum 600.

Optimum 600 è l’alimento liquido, a base di un mix di zuccheri di qualità elevata e costante, che evita la comparsa di chetosi nel periodo successivo all’estate. Questo è possibile perché introduce nella dieta delle scrofe zuccheri a diversa velocità di assorbimento che orientano il metabolismo verso il suo corretto funzionamento, evitando la mobilizzazione delle riserve corporee delle scrofe.

Gli zuccheri contenuti in Optimum 600, grazie ad una formulazione unica nel suo genere, mantengono elevato l’appetito degli animali evitando la riduzione dell’appetito tipica degli zuccheri tradizionali. Optimum 600 può essere semplicemente aggiunto alla razione ai seguenti dosaggi: 200 mL/capo/giorno per le scrofe in gestazione e 350 mL/capo/giorno per le scrofe in lattazione.

Zero chetosi in allevamento

Gli allevatori che utilizzano Optimum 600 in modo costante nella razione delle scrofe in gestazione e lattazione, evitano completamente lo sviluppo delle chetosi nel loro allevamento durante il periodo post-estivo. Questo, gli consente di aumentare l’efficienza aziendale, riducendo in modo considerevole la cura e la perdita delle scrofe dovuta alla comparsa di chetosi.

 

Per saperne di più chiamaci al 334 6528179

10 Set

By

Bovine da latte: come recuperare la condizione corporea ideale dopo il periodo caldo

10 Settembre 2020 | By |

Con il caldo le bovine mangiano meno e perdono peso

Normalmente, al termine del periodo caldo, le bovine da latte si presentano più magre e sottotono perché sono state sottoposte a condizioni molto stressanti, come l’eccessivo caldo ed un importante calo dell’ingestione. Entrambi i fattori sono responsabili del calo di peso degli animali e della riduzione del loro stato di salute, condizioni che l’allevatore riconosce immediatamente dopo una semplice valutazione visiva del BCS.

AG3 80 fornisce alle bovine grasso altamente disponibile

Per recuperare il peso perso durante il periodo caldo, Deatech affianca gli allevatori di bovine da latte con una soluzione nutrizionale d’eccellenza e molto conosciuta nel settore alimentare zootecnico: AG3 80.

AG3 80 è l’alimento a base di semi di lino estrusi che, grazie al processo di produzione unico nel suo genere ed al basso contenuto di fattori anti-nutrizionali, fornisce alle bovine da latte energia altamente disponibile. Il grasso contenuto nel lino ha un elevata digeribilità, infatti, i semi contenuti in AG3 80 hanno circa il 30% di grassi e, di questi, l’80% è grasso completamente disponibile, cioè attaccabile dagli enzimi per essere digerito e potenzialmente utilizzabile dagli animali per riprendere il peso perso.

AG3 80, aggiunto a mano in corsia di alimentazione o miscelato nel carro unifeed delle bovine in lattazione, aumenta la quota di energia della dieta e fornisce agli animali in produzione grasso altamente disponibile per tornare in forma.

Con AG3 80 la condizione corporea delle bovine torna ad essere ottimale

Gli allevatori che usano AG3 80 con costanza nella razione delle bovine in lattazione vedono che, subito dopo l’estate, gli animali riprendono facilmente il peso perso. Questo avviene grazie ai suoi ingredienti e grazie all’elevata digeribilità dei grassi in esso contenuti. Le bovine che si nutrono con AG3 80 riprendono peso, riacquisiscono la condizione corporea ideale (BCS ottimale) e, di conseguenza, tornano in ottime condizioni di salute.

 

Per saperne di più chiamaci al 334 6528179

08 Set

By

Scrofe: come produrre latte in quantità e qualità adeguata a tutti i suinetti

8 Settembre 2020 | By |

Quando il latte della scrofa è poco e di bassa qualità, la nidiata si indebolisce

Alla fine dell’estate le scrofe faticano a produrre un latte soddisfacente sia in termini di quantità che di qualità. La causa principale è spesso rappresentata da un eccessivo calo di ingestione, condizione tipica del periodo caldo, che determina il dimagrimento delle scrofe. I suinetti della nidiata, di conseguenza, cresceranno meno, saranno più deboli e più soggetti a malattie e morte.

AG3 80: i grassi buoni che apportano Omega 3

AG3 80 è la soluzione nutrizionale per eccellenza che apporta grassi buoni Omega 3, capaci di sostenere la produzione di latte da parte delle scrofe sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo.

L’ingrediente principale di AG3 80 sono i semi di lino estrusi, conosciuti per il loro elevato contenuto di grassi buoni Omega 3. Gli Omega 3 hanno un ruolo centrale nel metabolismo animale, in particolare, promuovono la produzione e la secrezione del latte dalle mammelle. AG3 80, inoltre, grazie ai suoi speciali ingredienti, modifica positivamente il profilo degli acidi grassi del latte delle scrofe rendendolo più digeribile e quindi più adatto all’apparato del digerente del suinetto.

AG3 80 è semplice e facile da utilizzare, infatti, viene aggiunto e miscelato omogeneamente alla razione delle scrofe al seguente dosaggio:

  • Scrofe in gestazione: 2% del mangime
  • Scrofe in lattazione: 2,5% del mangime

Latte per la nidiata: di più e di maggiore qualità

AG3 80, aggiunto alla razione delle scrofe in gestazione ed in lattazione, consente agli animali di produrre una quantità di latte sufficiente a nutrire al meglio l’intera nidiata. Inoltre, il latte prodotto dalle scrofe nutrite con AG3 80, ha un ottimo profilo di acidi grassi con un rapporto Omega 6/Omega 3 inferiore a 4, ideale per svolgere un’azione antinfiammatoria e quindi positiva per la salute dei suinetti.

 

Per saperne di più chiamaci al 334 6528179

08 Set

By

Recuperare il peso perso durante il periodo caldo per avere bovine in salute

8 Settembre 2020 | By |

Alla fine dell’estate le bovine sono sottotono e hanno poca energia

Alla fine dell’estate gli allevatori di bovine da latte riscontrano animali sottotono, che hanno perso molto peso a causa dell’eccessivo caldo. Questo, è principalmente dovuto al fatto che, con l’aumentare delle temperature ambientali, le bovine mangiano meno e non hanno a disposizione l’energia necessaria per mantenersi in ottime condizioni di salute.

Optimum 600 migliora la salute del rumine

Per tornare ad avere animali in salute e pieni di energia, subito dopo il periodo caldo, Deatech ha messo a punto la soluzione nutrizionale Optimum 600.

Optimum 600 è un alimento liquido a base di zuccheri a diversa velocità di assorbimento che migliora l’attività della flora ruminale e l’efficienza delle fermentazioni. In particolare, nutre tutte le tipologie di batteri positivi presenti nel rumine attraverso uno speciale mix di zuccheri.

Gli zuccheri che costituiscono Optimum 600 consentono ai batteri ruminali di essere più attivi e di fermentare al meglio gli alimenti. Questo, porta l’allevatore di bovine da latte ad avere animali che digeriscono al meglio la razione e che hanno a disposizione più nutrienti ed energia da utilizzare per riprendere peso.

Optimum 600, inoltre, riporta il glucosio a livelli ottimali e stabili per tutta la durata della giornata grazie alla diversa velocità di assorbimento degli zuccheri che lo compongono.

Più energia prontamente disponibile per fare latte

Aggiungendo Optimum 600 alla razione delle bovine in lattazione e miscelando in modo omogeneo, i livelli di glucosio nel sangue rimangono ottimali e costanti durante tutta la giornata. Questa condizione consente agli animali in produzione di riprendere peso e di tornare nel loro miglior stato di salute, mentre l’allevatore vede con i propri occhi un netto miglioramento delle performance aziendali.

 

Per saperne di più chiamaci al 334 6528179

03 Set

By

Come mantenere elevati livelli di biosicurezza nell’allevamento suinicolo

3 Settembre 2020 | By |

Quando non si rispettano gli standard di biosicurezza si va incontro a multe

Gli allevatori di suini sono spessi sottoposti a rigidi controlli di biosicurezza per prevenire l’introduzione ed evitare la diffusione di malattie infettive in allevamento. Bassi livelli di biosicurezza, in particolare sugli alimenti zootecnici e sulla situazione igienico sanitaria delle strutture che ospitano gli animali, provocano un forte abbassamento del benessere animale. Proprio per questo, chi non rispetta questi standard può essere multato e, nei casi più gravi, può rischiare la totale chiusura dell’azienda.

Con Alimsalus si rispettano le norme igienico-sanitarie dell’allevamento suino

Per evitare l’ingresso di infezioni e per controllare la diffusione di patologie in azienda, l’allevatore deve rispettare numerose misure sanitarie che gli consentono di mantenere elevati livelli di biosicurezza.

Proprio per questo, Deatech ha messo a punto Alimsalus, la soluzione che conserva al meglio gli alimenti, l’acqua e che sanifica l’ambiente dell’allevamento. Per quanto riguarda l’ambiente, Alimsalus ha un effetto battericida e fungicida selettivo nei confronti dei microrganismi patogeni che lo contaminano. È semplice e facile da utilizzare, infatti, è sufficiente nebulizzarlo tal quale nell’ambiente per sanificare i locali ed ottenere i migliori risultati in termini di biosicurezza.

Alimsalus è costituito da sali, non contiene acidi e non è corrosivo. L’azione dei sali contenuti al suo interno, infatti, crea condizioni sfavorevoli allo sviluppo e alla proliferazione dei microrganismi patogeni, evitando in questo modo la contaminazione dell’ambiente circostante.

Biosicurezza ai massimi livelli

Alimsalus, nebulizzato nei diversi ambienti dell’allevamento suinicolo, consente all’allevatore di mantenere elevati livelli di biosicurezza in modo semplice ed efficace. Rispettando le norme igienico-sanitarie è finalmente possibile allevare e far vivere i suini in un ambiente sano che garantisce il rispetto del benessere animale ed evita, all’allevatore, il rischio di dover pagare multe salate.

 

Per saperne di più chiamaci al 334 6528179